GILBERTO SANTAROSA | EL CABALLERO DE LA SALSA

Il suo inserimento nel panorama musicale caraibico fu proprio nella transizione tra decadi, un periodo di evoluzione per il genere salsa, questo periodo assieme alla sua figura artistica identifica in lui, un vero e proprio ponte tra generazioni.


Questo mix consenti a Santarosa di cogliere il meglio delle sonorità e dei cantanti che lo hanno preceduto e con il passare del tempo, in forma naturale e transitiva, il su bagaglio ed il suo talento fu ed è d’ispirazione ed arricchimento verso le nuove generazioni.


Fu educato dai ritmi de la salsa degli anni '60, mentre il suo gusto per le sonorità degli anni '50 le diede un altro importante tassello artistico e timbrico.

I seguenti anni di evoluzione consentirono di trasformare questo incredibile e autentico cantante Portoricano in una icona che trascende Decadi, Stili e Bandiere.

Nato il 21 agosto 1962 a Santurce, fin da piccolo cresciuto nell’ambiente musicale trova la sua prima gloria a soli 11 anni nel Festival de la Juventud, organizzato dal municipio di San Juan.




Il suo primo disco, all’età di 14 anni, con il nome di Borinquen Flame fu una bella esperienza, una opportunità arrivata grazie al musicista Mario Ortiz, padre del suo amico d'infanzia Marito.

Un disco di esordio con musicisti del calibro di Elias Lopez, Juancito Torres, Polito huertas, Eladio Perez, Tony Sanchez, Mauricio Gonzalez, Rafi Torres, Aldo ed il maestro Rene Hernandez, quest'ultimo pianista e arrangiatore di artisti come Tito Rodriguez e Machito .



Prima del suo debutto come solista, il suo percorso di crescita annovera collaborazioni illustri, la prima fu con la orchestra di Tommy Olivencia, duro due anni e diede vita a due dischi: "La Rumba de los Santos" & "Como Sube la Gasolina".

Un altra illustre collaborazione fu quella con "Mister Afinque", Willie Rosario.

Sicuramente sarà quella più determinante in quanto nei 5 anni trascorsi con questa mostruosa orchestra, Gilberto riesce ad amalgamare e migliorare due fondamentali aspetti, la maturità vocale e il giusto dosaggio della sua innata forma sonea nel canto.




L'inizio della sua carriera come solista inizia proprio dalla fine di questo sodalizio artistico, con un percorso fin da subito riconosciuto ed apprezzato.

Con l'etichetta Combo Records produrrà 4 dischi di ottima fattura, ma sarà l'etichetta Sany Records che con più di 15 dischi lo consacrerà come uno dei cantanti più importanti e di rappresentanza nella storia di Puerto Rico... Gilberto Santarosa, El Caballero de La Salsa.

Una delle canzoni, nella sua spettacolare carriera che piu rappresentano lo stile, la bravura ed il suo inmenso talento nell'arte del Soneo.



108 visualizzazioni